Come si può dire “comfort food” ?

Come si può dire “comfort food” in italiano? Cibo del conforto? Cibo della felicita? Cibo coccola? Cibo dell’anima?

Per me si può definire come una ricetta che ci fa star bene, ci
coccola, ci scalda, ci ricorda un momento dell’infanzia.

Amo cucinare cose complesse, piatti esotoci e nuovi ma le ricette semplici, della mia infanzia americana/congolese, sono quelle che
scaldano il mio cuore. Come la “apple pie” calda con sopra una palla di gelato alla vaniglia….. mmm!

O la pasta corta con sopra il fromaggio fuso, l’hamburger cucinato in un “cook out” il 4 di Luglio, il pollo in una salsa di arachidi servito con “Pili Pili” del Congo, pasta e fagioli della mia nonna Italo-Americana, ciambelle e eclairs, etc, etc.

Tutti mi riportano a casa, sempre, mi fanno ricordare la mia famiglia e il mio paese.

Qui in Italia… vorrei scoprire il vostro “comfort food”, anche se so
che in Italia ci saranno centinaia di ricette che potrebbero esserlo o
diventarlo, perche tutti i piatti sono così golosi, buoni, di una
tradizione lunga e molto legata alla terra, fatti con rispetto per gli
ingredienti e sopprattutto, sempre con amore.

Qualche cookbook per scoprire di più le ricette della felicita:

Con autori come Jamie Oliver, Saveur, Hillary Davis and Joan Donogh.

cookbook jolivercookbook classicscookbook saveurcookbook french comfort

 

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s